:: NEWS :: CURIOSITA' :: INFLUENZE :: TOUR ::
03/06/03 - DANCE OF DEATH: IL NUOVO ALBUM!
Condividi
Il nuovo album, intitolato 'Dance Of Death', è il tredicesimo studio album e uscirà a settembre 2003. I lavori sul nuovo album sono iniziati alla fine del 2002 quando gli IRON MAIDEN si sono ritrovati dopo una pausa per iniziare il nuovo album insieme.

Si sono uniniti nuovamente al produttore Kevin Shirley che aveva co-prodotto il loro ultimo album 'Brave New World' con Steve Harris. L'album è stato registrato e mixato ai Sarm Studios a Londra durante la primavera. Kevin Shirley è rimasto ancora più impressionato dal lavoro con gli IRON MAIDEN questa volta. 'I membri della band sono così in sintonia tra di loro. E' incredibile,' ha dichiarato.

Il cantante Bruce Dickinson è anche lui molto soddisfatto dei risultati ottenuti su 'Dance Of Death'. 'Penso che 'Brave New World' sia stato solo il primo passo verso quello che abbiamo raggiunto con questo album" ha dichiarato. 'Registrare questo album è stato come tornare indietro ai tempi di 'Number Of The Beast' la velocità e l'enegia che abbiamo messo nello scrivere e registrare questo album è stata fenomenale. Penso che chiunque ascolterà questo album sarà attratto da diversi aspetti dal suono epico di brani come 'Paschendale' passando dai brani più 'heavy' come 'Rainmaker' e 'Montsegur'.

La tracklist competa di 'Dance Of Death' è la seguente:

01. Wildest Dreams
02. Rainmaker
03. No More Lies
04. Montsegur
05. Dance Of Death
06. Gates Of Tomorrow
07. New Frontier
08. Paschendale
09. Face in The Sand
10. Age Of Innocence
11. Journeyman

Le 11 tracce racchiudono il lavoro di tutti i membri della band compreso quello, per la prima volta, del batterista Nicko McBrain nel brano 'New Frontier'.

Inoltre per la prima volta l'album è stato mixato in 5.1 Surround, che per chi ha un sistema 5.1 Home Cinema rappresenterà un nuovo modo di ascoltare la musica. Ecco il commento di Steve Harris, 'Mentre stavo lavorando con Kevin all'audio del nostro DVD 'Rock In Rio', l'intero processo di mixaggio in 5.1 mi ha aperto gli occhi su quello che si poteva raggiungere. Ho deciso in quel momento e successivamente che il nuovo album sarebbe stato mixato nella stessa maniera una volta terminato. Non abbiamo scritto brani per essere ascoltati appositamente in 5.1, ho semplicemente voluto portare l'ascoltatore nel mezzo dello studio in modo che potesse chiudere gli occhi e immaginarsi li. Abbiamo cercato di catturarne il feeling.'