:: NEWS :: CURIOSITA' :: INFLUENZE :: TOUR ::
15/03/08 - ULTERIORI INFORMAZIONI SUL SOMEWHERE BACK IN TIME WORLD TOUR 2008
Condividi
Dopo aver fatto il tutto esaurito a Città del Messico, (52,000 persone), e in Costa Rica, (con 25.000 fan da tutto il Centr’America per il più grande evento musicale nella storia del paese), il gruppo è arrivato a Bogota, Colombia, per suonare nell’immenso Parco di Simon Bolivar nel centro della città di fronte ad oltre 40.000 fan, e altri 5.000 che hanno trovato un accesso “alternativo” al concerto! Da lì dritti a San Paolo con il cantante Bruce Dickinson alla guida del loro 757, per suonare un altra data esaurita allo Stadio Palmeiras di fronte a 42.000 persone.

Il tour è continuato in Brasile, Argentina e Cile prima di concludere questa memorabile visita in America Latina e continuare a Puerto Rico, New Jersey, USA e un concerto finale a Toronto il 18 marzo. Con tutti i biglietti di questa parte del tour esauriti mesi prima, le premesse del tour europeo sono già positive. Entro la fine dell’estate avranno suonato di fronte a più di un milione e mezzo di fan, con 66 spettacoli in 30 paesi nel mondo. Seguiti dai principali notiziari internazionali, Sky, CNN e molti altri, siamo di fronte ad una vera e propria “metallizzazione delle masse”.

GLI IRON MAIDEN PORTERANNO ANCHE IN ITALIA IL LORO SOMEWHERE BACK IN TIME WORLD TOUR, CON UN’UNICA DATA IL 27 GIUGNO AL GODS OF METAL, BOLOGNA PARCO NORD. Ulteriori informazioni sulle canzoni dell’album SOMEWHERE BACK IN TIME

In ordine cronologico questi otto album segnarono la continua crescita di popolarità del gruppo a livello mondiale e resero gli IRON MAIDEN le leggende che sono ancora oggi

IRON MAIDEN uscito nell’aprile 1980, debutta al N. 4 della classifica inglese. Tracce tratte da questo album: Phantom of the Opera* e Iron Maiden*, l’inno dei Maiden che ha chiuso ogni concerto che il gruppo abbia mai suonato, di solito con l’apparizione sul palco di ‘Eddie’, la mostruosa mascotte del gruppo che compare su tutte le copertine dei loro dischi.

KILLERS registrato agli Studi Battery di Londra, con il nuovo chitarrista Adrian Smith nel febbraio 1981, entrato al N. 12 in Gran Bretagna. Traccia: Wrathchild*

THE NUMBER OF THE BEAST, registrato sempre agli Studi Battery, è stato il primo album di Bruce Dickinson coi Maiden, entrato direttamente al N. 1 in Gran Bretagna, all’uscita nel marzo 1982. Tracce: Children Of The Damned, The Number Of The Beast, Run To The Hills, e Hallowed Be Thy Name.

PIECE OF MIND registrato agli Studi Compass Point di Nassau, alle Bahamas, con il nuovo batterista Nicko McBrain, entrato al N.3, all’uscita nel maggio 1983. Traccia: The Trooper

POWERSLAVE, registrato sempre al Compass Point e mixato al leggendario Electric Ladyland di NY, ispirato al mitico scenario del palco di ‘The World Slavery Tour’ che è anche quello ripreso per l’attuale tour ‘SOMEWHERE BACK IN TIME’. Entrò in classifica al N. 2 nel settembre 1984, battuto al N. 1 dal primissimo “Now…That’s What l Call Music”, anche se alcuni non erano d’accordo!. Tracce: Aces High, 2 Minutes To Midnight, e Powerslave.

LIVE AFTER DEATH, l’album considerato da molti come il più grande album metal dal vivo, registrato durante i concerti alla Long Beach Arena nel marzo 1985 e all’Hammersmith Odeon nell’ottobre 1984, debuttando al N. 2 in Gran Bretagna nell’ottobre 1985 Tracce: Phantom of the Opera*, Iron Maiden*, Wrathchild*

SOMEWHERE IN TIME uscito nell’ottobre 1986 ed entrato al N.3 in Gran Bretagna. Traccia: Wasted Years.

SEVENTH SON OF A SEVENTH SON, uscito nell’aprile 1988 ed andato direttamente al N.1 in Gran Bretagna, l’album venne presentato al festival ‘Monsters of Rock’ di Donington Park nell’agosto, di fronte ad un record di 100.000 fan. Tracce: Can I Play With Madness and The Evil That Men Do.

Tutti gli album sono stati prodotti e mixati da Martin Birch.

*Le versioni live da Live After Death sono state usate per queste tracce dagli album originali.