Forum Iron Maiden Italia
http://www.maidenitalia.com/forum/

UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita
http://www.maidenitalia.com/forum/viewtopic.php?f=17&t=22867
Pagina 1 di 1

Autore:  Virgen de Hierro [ 05 feb 2014 23:11 ]
Oggetto del messaggio:  UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

Cioè io non so se vi rendete conto:

Immagine

I Manilla Road si esibiranno in due show, uno con Neudi Neuderth alla batteria e uno con il grandissimo Randy Fox (The Mighty Thrasher!!).
Tripla line-up invece per i Battleroar che vedranno tornare anche il Colonnello Marco Concorreggi per cantare i pezzi da “Battleroar”, “Age Of Chaos” e “To Death And Beyond”.

Qui l'evento fb per chi vuole qualche altra info:
https://www.facebook.com/events/1444926122395216/?fref=ts

Autore:  BazHarris [ 06 feb 2014 11:29 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

Ollamadonna! Chi ci va?

Autore:  AleDefender [ 06 feb 2014 17:53 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

io preendo i biglietti a marzo.

Autore:  Virgen de Hierro [ 07 feb 2014 22:13 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

Ale nel caso lo prenderesti anche per me per favore?

Autore:  frey [ 08 feb 2014 01:45 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

porca puttana che bill spettacolo

Autore:  AleDefender [ 22 mar 2014 18:58 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

biglietto preso.

ps: giulio me lo son fatto prendere da Caotico all'Up The Hammers di st'anno. non avevo letto cmq

Autore:  Virgen de Hierro [ 24 mar 2014 22:56 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

AleDefender ha scritto:
biglietto preso.

ps: giulio me lo son fatto prendere da Caotico all'Up The Hammers di st'anno. non avevo letto cmq

Tranquillo Ale, alla fine li ho presi da Manolis. grazie :wink:

Autore:  AleDefender [ 25 mar 2014 15:36 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

Manilla Road con Giulio. back to 2008.

Autore:  Virgen de Hierro [ 30 mar 2014 21:35 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

Straordinario.

Autore:  Virgen de Hierro [ 05 mar 2015 00:30 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

E comunque, domani si va ad Atene!!!!!

#ilconcertodellavita

Immagine

Autore:  Metal Mike [ 05 mar 2015 13:47 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

buon viaggio. Divertiti ^_^

Autore:  BazHarris [ 05 mar 2015 15:20 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

Aspettiamo chicche e reviews!

Autore:  Virgen de Hierro [ 10 mar 2015 21:58 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

Ragazzi con calma butto giù qualche riga.....per cercare di mettere a fuoco quello che è stato. Ma assolutamente un'atmosfera incredibile, uno dei migliori concerti della mia vita insieme a pochi altri davvero.

Intanto qualche antipasto (giusto per farvi rosicare un po' eh :P )

Con Harry "The Tyrant" Conklin (Titan Force, Jag Panzer)
Immagine

Con Mark Shelton (Manilla Road)
Immagine

Posso pure morì felice ora...

Autore:  Rubrik [ 10 mar 2015 22:38 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

Vai di rece!

Autore:  BazHarris [ 11 mar 2015 00:43 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAH CONKLIN!!!

Autore:  Virgen de Hierro [ 13 mar 2015 00:21 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

Eccomi...allora prima volta per me a questo storico festival e devo dire che l'atmosfera che si respira è bellissima, esattamente il concetto che ho io di heavy metal, ovvero una grande famiglia che festeggia insieme.
Poter chiacchierare, bere e fare foto con tutti i musicisti che hanno suonato non accade spesso (anzi...quasi mai!). Tutti sono stati presenti dal primo all'ultimo giorno e sono stati disponibili con tutti i fan.

Detto questo, un commento su alcuni gruppi che ho visto:

WARM UP SHOW
Toledo Steel e High Spirit: due gruppi che non conoscevo, sono stati il mio antipasto durante il warm up (concerto di inaugurazione). Molto energici e coinvolgenti...promossi e da approfondire!

Battleroar "mark I": ascoltati mentre davo uno sguardo al banchetto dei dischi; non conoscevo il primo cantante, ma hanno fatto un buon concerto. Apice con Battleroar e la cover di Singing Sword degli Heavy Load. Ma attendo con ansia la "mark II".

Sacred Steel: sempre sentiti nominare ma mai ascoltati. Ottima prestazione, ma purtroppo non fanno per me. Alcuni pezzi mi hanno intrigato di più, ma sono piuttosto convinto che su disco non mi piacerebbero. Comunque bravi!

GIORNO 1
Dexter Ward: Marco Concorreggi....la solita garanzia. Li avevo già sentiti un paio di volte e i pezzi rendono molto dal vivo. Buona prestazione, anche Manolis alla chitarra che invece spesso sento criticare. Marco è un grandissimo frontman e mi colpisce sempre per la sua semplicità e la sua classe. Chicca: Antartic Dreams.

Atlantean Kodex: ero molto curioso visto che propongono canzoni lente e difficili. Non mi hanno deluso. Forse dovevo gustarmeli dall'alto con più attenzione e un'acustica migliore, comunque molto bravi e precisi. La scaletta dando uno sguardo su internet mi sembra quella standard. Da cantare a squarciagola i ritornelli di Sol Invictus e Twelve stars and an Azure Gown.

Doomsword: concerto un pochino rovinato (per me) da un paio di elementi troppo violenti e troppo grossi che mi infastidisco tutto il tempo! Devo dire che è stata l'unica occasione spiacevole dei 3 giorni però. Bel concerto, molto bravo il cantante anche se mi suscitava un'antipatia unica per il suo atteggiamento strafottente e autocelebrativo (soprattutto dopo che ho scoperto che hanno rifiutato il Play it Loud......). Ottimo ingresso di Gianluca Silvi come chitarrista, mentre il batterista è una macchina da guerra pazzesca. Top con la combo Heaten Assault-Days of high adventure, ma tre assenze imperdonabili nella scaletta a mio avviso: Sacred metal, Resound the horn e Steel of my axe.

Omen: hanno fatto Last Rites. Basterebbe per rendermi felice. Ma invece no: Kenny Powell non ce la fa più a mettere due note in fila, e lo dimostra il non aver suonato un assolo "pulito". Li avevo visti nel 2008 e qualche anno dopo, ed erano un altra band. Vero che c'era George Call eh, ma il problema non è stato Goocher (nonostante il look imbarazzante, pensavo peggio).
Imperdonabili fuori tempo su Battle Cry (rallentano fino quasi a fermarsi) poi qualche testo inventato (In the Arena era incantabile...).
Scaletta ok, anche se avrebbero dovuto suonare tutto Warning of Danger e invece no (però hanno tirato fuori Make me your king!).
Purtroppo su Don't fear the night è salita, vestita da zoccola, la figlia di Goocher per cantare con lui. Servono alltri commenti?

Titan Force
Incredibili. I dischi non mi fanno impazzire (anche se ci sono dei bei pezzi, soprattutto nel primo), ma dal vivo sono una cosa devastante. Concerto di una classe unica, non hanno sbagliato una nota.
Da applausi a scena aperta, davvero: bravi, potenti, coinvolgenti, energici...e poi c'è lui..il Tiranno. Grandissimo frontman, grandissima voce, grandissima prestazione.
Se vi capita che suonino in giro andatali a sentire. Io amo i Jag Panzer eh, ma non li fanno rimpiangere.
Non manca niente alla scaletta, ottima sintesi degli unici due dischi e una singolare cover dei Black Sabbat: Over&Over (che nemmeno loro si ricordano di aver scritto credo).

Per ora mi fermo qui....a breve il secondo giorno!!!!

Autore:  Rubrik [ 13 mar 2015 08:35 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

Io me la son messa via che i Doomsword non li vedrò mai :cry:

Autore:  BazHarris [ 13 mar 2015 11:18 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

L'han fatta Master of Disguise i Titan Force?

Autore:  Metal Mike [ 13 mar 2015 11:33 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

Rubrik ha scritto:
Io me la son messa via che i Doomsword non li vedrò mai :cry:

visti 2 volte :mrgreen:


Mai dire mai ;)

Autore:  Virgen de Hierro [ 13 mar 2015 13:18 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

BazHarris ha scritto:
L'han fatta Master of Disguise i Titan Force?

Sì!
Ecco la scaletta :wink:
http://www.setlist.fm/setlist/titan-force/2015/kyttaro-athens-greece-63cb8667.html

Autore:  Virgen de Hierro [ 16 mar 2015 11:06 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

Giorno 2
Battleram: non li avevo mai visti live e quello che ho sentito non mi aveva mai particolarmente colpito. L'effetto dal vivo è lo stesso: godibile, ma non mi è rimasto impresso nessun pezzo, nessun ritornello, nessun assolo. Sicuramente meritano un ascolto ragionato, ma gli preferisco tante altre realtà italiane.

Wrathblade: li ascolto mentre faccio qualche acquisto. Mi sembrano validi e sono tentato di comprare il cd (anche a causa della copertina intrigante) ma alla fine mi butto su acquisti più sicuri...chi sa se lo rimpiangerò? Sicuro suonare in "casa" (sono Greci) è una vantaggio notevole, non so quanto siano seguiti all'estero.

Battleroar Mark II: sono contentissimo di avere occasione di vedere per la seconda (e ultima, temo) volta questo gruppo con Marco Concorreggi alla voce suonare i pezzi di "To death and beyond", il mio disco preferito dei Battleroar. Il concerto che mi aspettavo: emozionante (sia per noi del pubblico sia per loro sul palco) e coinvolgente. Due sorprese nella scaletta, una gradita e una meno: la prima è "Metal from Hellas", un inno mai suonato dal vivo che era doveroso fare per rendere omaggio ad un pubblico così caloroso. La seconda è la title track, un brano lungo che non mi ha mai convinto nemmeno da studio e al quale avrei preferito uno degli altri pezzi articolati del disco ("Finis Mundi" o ancora meglio una "Oceans of pain"). L'apice rimane la classica "Hyrkanian Blades", sempre meravigliosa. Quando poi la gente sul palco si diverte come dei bambini, la magia scatta per forza!

Slaughter Xstroyes: non li conoscevo nemmeno di nome (alla fine hanno fatto un disco nel 1985 e uno nel 1998) e chiedendo informazioni avevo raccolto pareri contrastanti.
Decido di vedermeli, anche solo per potermi avvicinare ed essere sicuro di rimanere in una posizione avanzata durante i Manilla Road. Devo dire che si è rivelata una scelta azzeccatissima, sia perché poi ero in prima fila sia perché sono stati davvero una grande sorpresa. Davvero degli ottimi musicisti, hanno suonato alla grande e anche i pezzi mi hanno convinto e coinvolto (hanno suonato tutto Winter Kill, il disco dell'85) ricordandomi un pochini gli Helstar, ma un po' più duri e taglienti.
Ho messo il disco in lista, contento di averli visti!

Manilla Road: concerto meraviglioso Ma soprattutto, storico! Non so se ci saranno altre occasioni (viste anche le condizioni fisiche un po' affannate) per rivedere dietro le pelli il mitico Randy "thrasher" Foxe, batterista del periodo d'oro dei Manilla (da Open the Gates a Court of Chaos).
Il concerto era infatti diviso in due set: il primo, con il batterista attuale, che prevedeva pezzi del nuovo disco (The Blessed Curse, purtroppo ancora da ascoltare per me) e canzoni dall'era pre-Foxe (hanno suonato classici come Cage of Mirrors, Far Side of the Sun e tante cose da Crystal Logic); molto bello, ma devo dire che non conoscendo il disco nuovo i pezzi me li sono goduti poco e per i classici, forse li ho preferiti quando li ho visti qualche mese fa a Prato. Probabilmente però era dovuto all'attesa spasmodica (mia, ma forse anche degli stessi musicisti!) del secondo set.
Di sicuro l'attesa (di circa un anno, da quando presi i biglietti ad Aprile 2014) è stata ampiamente ricompensata. Randy è un personaggio simpaticissimo ed è stato bellissimo vederlo suonare con grinta e passione canzoni storiche come "Road of Kings", "The ninth wave" e il solito quartetto "Masque of red death by the hammer of the witches brew". E bisogna ammettere che con lui hanno decisamente un altro tiro!
Tutti si aspettavano delle chicche nella scaletta e infatti non sono mancate: se "Haunted Palace", "Into the court of Chaos" e "Dementia" non sono pezzi che si sentono spesso, le vere sorprese per le nostre orecchie sono stati pezzi mai suonati prima come "War in Heaven" e "The Propechy". Purtroppo, Randy non era in grandi condizioni come dicevo e ha iniziato ad accusare un po' di stanchezza e, a quanto pare, crampi alle braccia. Probabilmente è del tutto normale considerando la stazza fisica (diciamo che è un po' sovrappeso) e la potenza con cui ha suonato.
Quindi il concerto si è chiuso così, lasciando un pizzico di amarezza per i pezzi che avevano preparato ma non hanno suonato...chi sa quali altri sorprese ci sarebbero state!
Ma devo dire che è stato un privilegio già poter assistere a questo spettacolo.
Come al solito....i Manilla Road si confermano una grandissima live band e dal vivo tirano fuori tutta la loro voglia di suonare e di divertirsi. Una garanzia.


Alcune note finali:
Locale bello, con una buona acustica e vari "spazi": palco grande, parterre spazioso e una parte superiore (di fronte al palco e laterale) da dove poter seguire il concerto con più tranquillità.
Anche il locale del warm up era molto carino, anche se un pochino più piccolo.
I concerti iniziano...puntuali!!! In Italia non siamo più abituati, ma dal punto di vista organizzativo è filato tutto liscio, orari rispettati e cambi palco impeccabili.

Banchetti di di dischi pieni di roba mai vista nè sentita, un sacco di gruppi greci e di chicche difficili da reperire altrimenti....attenzione ad avvicinarmi con troppi soldi, si rischia di spendere tutto lì!!!!

Atene è una città interessante, con delle cose obbligatorie da vedere (l'Acropoli con il Partenone su tutte, ma anche il Tempio di Zeus e il Museo Archeologico) e con un centro storico in cui si passeggia piacevolmente. Per il resto, tenuta un po' male e con delle zone in grande degrado.

Ottima compagnia di viaggio e soggiorno con il Poffa, Guido e Kim, la Giulia, Daniele dei Rosae Crucis (e la sua ragazza Ester), il simpatico Lorenzo, Daniele Cadone e il mitico Antonio Palopoli.
Poi l'immancabile Flavio Falsone che incontro già dall'aereporto e la comparsata per i Manilla Road di Marco il Marchigiano direttamente dalla Polonia.
Lì ritrovo sempre con piacere Tiziano, Cristina/Dragon Lady e Caotico. Dopo tanto tempo rivedo Concorreggi che ha sempre belle parole per gli amici, inoltre conosco il famoso Conte Ungol (Stefano) di Metal Myths e due svedesi meravigliosi, Chris e Tobias.
Il tutto condito dagli squisiti pitta gyros, il "kebab buono". Insomma, tutto perfetto!

Alla prossima.....UP THE HAMMERS!!!

Autore:  Rubrik [ 16 mar 2015 20:09 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

Minchia, davvero un concerto così dei Manilla deve essere indimenticabile.

Autore:  AleDefender [ 12 mag 2015 16:40 ]
Oggetto del messaggio:  Re: UP THE HAMMERS 2015 - il concerto della vita

Concordo su tutto con Giulio!
Sui BattleRam questione di gusti sui pezzi...ma esecuzione ottima.
Slauter Xstroyes io li ho amati. Stortissimi e pazzeschi nel suonare.
Omen unica delusione.
Top: Manilla, Titan Force, Slauter Xstroyes e le 3 line up dei Battleroar.
Solito gran concerto dei Dexter Ward.
Ottimi Sacred Steel al warm up assieme a High Spirits e Terminus.
Tributo ai Bathory bellissimo: ha superato le aspettative (mi aspettavo una cagata...invece...)
Grandissimi Doomsword! Buoni gli Atlantean Kodex che han suonato meglio al Play It Doom secondo me...dove son stati eccezionali.

Momento top: Il Marchigiano - ogni cosa detta. Bestemmia davanti a Giulio compresa.


Prossima edizione: Ruthless, Stormwitch, Virgin Steele, Ironsword...mmmmmh.

Pagina 1 di 1 Tutti gli orari sono UTC [ ora legale ]
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
http://www.phpbb.com/